09 dic 2011

Ministero dell'Economia e delle Finanze non esiste: esiste quello che si occupa solo delle Finanze!

Sono ormai molti anni che non ci rendiamo conto che il Ministero dell'Economia e delle Finanze fa il SUO lavoro a metà: è SOLTANTO UN MINISTERO DELLE FINANZE.
Stavo scorrendo su Wikipedia le mansioni di questo ministero e quando sono arrivato ai dipartimenti che ne costituiscono la struttura, mi sono accorto che non ce ne sono che si riferiscano all'economia Italiana, ma solo alle finanze dello stato (come dire: le tasse e il modo con cui spendere quei soldi).
Ecco i Dipartimenti:
Notate come ci sia un intero dipartimento che si occupa del personale: è vero che il peronale è uno dei più preparati tra coloro che lavorano ai ministeri italiani, ma curiosamente manca un dipartimento qualsiasi che si occupi di studi di settore (opppps! quello per la verità c'è, ma non fa esattamente quello che l'Economia spererebbe) per fare decollare la nostra Economia (quella economica: quella che produce beni e servizi, intendo!).
Ma allora vuol dire che è ufficiale: l'impresa italiana non è considerata come primaria nello Stato Italiano!
Se l'entità che dovrebbe preoccuparsi per il buon andamenteo dell'economia (ricordo che economia e finanza non sono la stessa cosa: una produce benessere e beni/servizi, l'altra si occupa di moneta) non ha nessun ufficio ch esi occupi di lei nel Ministero preposto, chi se ne occupa?
La risposta che viene naturale è: se ne occupa da sola e cerca di stare alla larga del ministero delle finanze!

Ora più che mai l'aspetto dei provvedimenti che il ministero sta adottando sono sempre più evidentemente di tipo finanziario, vale a dire si occupano più della moneta €URO che dello stato dell'economia in Italia.

Cosa vogliamo fare? Lasciamo che le cose vadano avanti così, o chiediamo che qualcuno all'interno del ministero dell'economia e delle finanze si occupi seriamente dell'economia?

E se chiedessimo di dividere il Ministero in due distinti? Ne avremmo un vantaggio o vedremmo solo aumentare i costi?

Nessun commento:

Posta un commento